Portale degli SMS Invia SMS alta qualità da web a 6 centesimi
 
Username o numero di cellulare Password  
non ricordi la password?  
 
Vai alla pagina dedicata su Facebook
Home News Servizi Prezzi Come funziona Faq Quando usare il servizio Chi siamo Contatti Termini e condizioni
Un'email per dire «grazie»: è cortese o fa perdere tempo? Un'email per dire «grazie»: è cortese o fa perdere tempo?
13/03/2013

C'è un problema generazionale che sembra essere diventato più un problema di educazione bisogna rispondere a un'e-mail per ringraziare o un semplice "grazie" è diventato una perdita di tempo oggi? Ad interrogarsi su questo argomento è stato Bilton, l'innovation editor del New York Times che con un sondaggio di livello internazionale. La maggioranza degli intervistati, dall'italia alla scandinavia, fino allo stesso Bilton ha risposto difendendo il "Thank You", non c'è digitale che tenga. Ma nel campione di utenti web spicca un 17enne che la pensa in modo diverso. Il giovane Jake Soiffer afferma che gestire tutti i social a cui siamo iscritti oggi come, solo per citarne alcuni, Facebook, Twitter e Instagram, più tutte le pratiche che ormai svolgiamo solo online, per esmpio l'acquisto di biglietti aerei, prenotazioni di hotel, consultazione del conto corrente e bonifici, porta via molto tempo e non è facile, per questo ricevere una mail solo per essere ringraziati è un'assurda perdita di tempo. Il ragazzo americano ha proprio centrato il problema principale della generazione Y che sempre più frenetica e aggiornata per cui l'inutile è dannoso. La tecnologia che doveva aiutare l'uomo a gestire il proprio tempo in maniera più flessibile rischia, per paradosso, di renderlo ancora più scarso e per di più ha creato anche dei mostri psicologici come l'esternazizzazione del senso di colpa. Infatti se un tempo il dovere della prova ricadeva su chi ti aveva cercato, oggi si manda un'email con 10 destinatari e la colpa ricade su chi non risponde. Si protrebbe però trovare un compromesso tra la generazione digitale e chi invece apprezza ricevere una conferma umana della lettura tramite un grazie: scrivere nell'oggetto dell'email "grazie" così si risparmia il tempo di aprirla ma si ha la soddisfazione di essere stati calcolati dal destinatari.


Fonte: Il Corriere della Sera
Link: Leggi articolo »

TAGS:  new york times |  sms |  email |  generazione digitale |  gestire i social nwtwork |  grazie |  mostri psicologicieduzazione |  problema generazionale |  risposta |  sms |  sondaggio internazionale |  tempo | 


« indietro

Il Portale degli SMS .::. Copyright © 2011 - 2017 Antherica Srl :: P.Iva/CF: 02058130358, REA: 247698, Capitale Sociale € 30.000 i.v.
Termini e Condizioni .::. Informativa sulla Privacy
Il sito web di Portale degli SMS non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin" Accetto